Pubblicazioni

You are here: Home / Pubblicazioni

 

I prodotti editoriali di QB rappresentano il punto d’arrivo di percorsi di ricerca che, incontrando un pubblico allargato, possono trovare ulteriori sviluppi operativi. Album, libri e cd invitano piccoli e grandi a mettere in gioco la creatività personale.

copertinaCollettivo QB – Associazione QB Quanto Basta

Dalla nascita – F.to 13,5 x 18,50 – Box contenente 1 cd e 1 pieghevole illustrato con i testi delle canzoni – Euro 8,00 – Per l’acquisto tel. 0514074919 – info@qbquantobasta.org

Musica da cameretta è stato inserito tra le edizioni speciali di Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Musica da cameretta nasce dal desiderio di diffondere alcune proposte per giocare con la voce, già sperimentate nei nidi d’infanzia e in biblioteca con i bambini.

Fin dal primo ascolto, le filastrocche e i canti mettono in moto risposte vocali e gestuali che possono poi essere ripetute e variate in modi diversi, accompagnando la crescita dei piccoli ascoltatori. Un bel gioco dura molto: ogni traccia audio offre elementi musicali da cogliere e elaborare in forme via via più complesse, in relazione allo sviluppo vocale del bambino.

Il CD propone diciannove tracce originali (royalty free!) nate dal lavoro collettivo di Marta Abatematteo, Giovanna Degli Esposti, Laura Francaviglia, Cristian Grassilli, Franca Mazzoli: filastrocche, canzoni brevi e narrazioni articolate in Sbzzarriamoci! (onomatopee e suoni ronzanti) e Toc toc (dialoghi e ritmi), i cui testi sono riportati nel pieghevole illustrato. Per un piccolo assaggio cliccate sulle immagini, ascoltando la traccia.

Leggi la presentazione di Francesca Tidoni (Numero 5 Uppa, Ottobre 2016)

Inventare ricette per un Ricittàrio: diventa anche tu uno chef urbano

Com’è nata l’idea
Da sempre qb crede in una relazione diretta tra cucina e pedagogia: il nome stesso dell’associazione fa riferimento a una terminologia culinaria, anche se lavoriamo in ambito educativo.
A qb siamo convinti che l’educazione alla cittadinanza si possa costruire soprattutto con piccoli gesti quotidiani e con l’abitudine a considerare non solo il proprio punto di vista, ma anche quello di chi condivide il territorio in cui si abita.
Su questa idea a settembre 2015 abbiamo giocato con i nostri associati a scambiarci ricette di cucina e di convivialità urbana, allargando l’idea di convivialità, di solito legata allo stare insieme a tavola, allo stare insieme in città, in diverse situazioni quotidiane.
Con i contributi che ci sono arrivati, abbiamo realizzato un Ricettario di cucina e convivialità urbana, strenna natalizia a tiratura limitata.

Il grande successo del ricettario ci ha portati a voler proseguire con il progetto, cercando nuovi canali per poter coinvolgere non solo i nostri associati, ma chiunque abbia voglia di condividere piccole idee di convivialità urbana.
In primavera abbiamo trovato l’interesse di Camst – Ristorazione Italiana, rilanciando la nostra iniziativa su facebook, contenitore più funzionale a una call di ricette urbane.

ricittàrioConvivialità in città: perchè scrivere?
Per partecipare a una raccolta/scambio di idee sotto forma di ricette/suggerimenti che possono rendere più piacevole la vita di tutti in città.
La raccolta è finalizzata a una nuova edizione di ricette per la convivialità urbana che avrà nome di Ricittàrio e nella quale verrà pubblicata una selezione di ricette originali.

Convivialità in città: come scrivere?
Per giocare bisogna divertirsi a ricalcare sulle azioni abituali in cucina quelle da attivare nella quotidianità:
– indicate gli ingredienti e le loro quantità (ad esempio: un etto di pazienza);
– scrivete lo svolgimento della ricetta urbana, ovvero le azioni da compiere per vivere bene insieme (da come affrontare le lunghe attese in coda, alle regole per un buon parcheggio, da come sopravvivere alle passeggiate con il passeggino, alla ricetta per riconoscere ciò che tutti i giorni ci regala un sorriso);
concludete con eventuali suggerimenti per la presentazione, anche inviando immagini.

Ricordate le regole del gioco: massimo 1000 caratteri da inviare entro il 30 settembre in formato word a eugenia@qbquantobasta.org

copertina-MatiteUna collana di quaderni operativi per bambini, a cura di Chiara Zuntini, Franca Mazzoli e Adriano Ruggero.

Ogni album propone di giocare con un materiale specifico, da esplorare nelle sue differenti possibilità d’uso e da utilizzare per completare in modo personale le sue pagine. Le immagini si possono imitare o anche variare, seguendo le proprie idee visive o gusti grafici.

Ad ogni album si collegano laboratori di gioco, Matite per giocare e Ritagli per comporre, nei quali i bambini possono sperimentare le attività proposte.

 

copertina-RitagliLe pagine di Matite offrono immagini da guardare e ricostruire, segni da completare e colorare, per i bambini dai 5 ai 7 anni. Ritagli  propone ai bambini dai 6 anni in poi di recuperare tanti diversi tipi di carta, per ricostruire le immagini e riempire con colori, texture e trasparenze i vuoti delle pagine.

Copertina AM 2015Angela Cattelan, Franca Mazzoli
ADA MATY. UNA STORIA CANTATA A PIU VOCI
illustrazioni di Silvia Bettini, Enrica Scurati, Ruben Sery

QB Quanto Basta in collaborazione con Edizioni ArteBambini. Nuova edizione Settembre 2015, con prefazione di Cècile Kyenge.

Il libro e il cd nascono da un lavoro di ricerca: alcune donne africane hanno raccontato e cantato le canzoni della loro infanzia e alcuni musicisti africani e italiani hanno ideato elaborazioni musicali.

La tradizione diventa così linguaggio contemporaneo che canta in alcune delle moltissime lingue dell’Africa. Un bambino di cinque anni, Leo, racconta la sua amicizia con Ada Maty che ha il papà italiano e la mamma senegalese. La storia è piena di musica, perché per Leo e Ada Maty ogni occasione è buona per cantare con le parole magiche delle canzoni africane.

Le illustrazioni (Silvia Bettini pagina 8 e 9; Enrica Scurati e Ruben Sery pagina 18 e 19) e le fotografie (foto di Riccardo Patrizi, illustrazione di Enrica Scurati pagina 26 e 27) raccontano un mondo lontano che diventa più vicino e coinvolgente quando si ascoltano le tracce del cd.

Si scoprono gli incantevoli suoni di alcuni strumenti musicali della tradizione africana che propongono melodie e ritmi da danzare e da mettere in gioco, come fanno i due amici della storia. I canti sono facili da imparare e le parole, anche senza capirne il significato, comunicano sentimenti che fanno stare bene: tenerezza, allegria, voglia di giocare e di fare festa insieme.

Canzone del massaggio

Namuna

Inna le wole

Leggi la prefazione di Cècile Kyenge
Tutte le voci di Ada Maty. La storia
Leggi le recensioni di Ada Maty.

cd-copiaa cura di Ermanna Forni.

CD audio che raccoglie filastrocche e canti tradizionali dei paesi d’origine dei bambini della scuola Primaria Ugo Pizzoli di Palata Pepoli negli a.s. 2008/09 e 2009/10 e registrati nel marzo 2010 da Enzo Cimino per QB Quanto Basta, con interventi musicali di Tommy Ruggero.

Dopo aver letto e ascoltato Ada Maty. Una storia cantata a più voci, Ermanna Forni ha pensato che sarebbe stato bello diffondere in modo più allargato i canti dei bambini da lei raccolti nella scuola di Palata Pepoli dove insegna, e ha chiesto a QB di collaborare a questo progetto. Così, nel marzo 2010, siamo arrivati nella scuola primaria U. Pizzoli di Palata Pepoli per due giornate di laboratorio musicale in cui abbiamo potuto giocare con i canti ora raccolti nel cd e nel booklet Tracce di famiglia. Il successivo lavoro di editing audio di Enzo Cimino e gli interventi musicali di Tommy Ruggero hanno migliorato le registrazioni su campo effettuate a scuola, realizzando un prodotto di qualità che comunque mantiene le caratteristiche di immediatezza e spontaneità presenti nelle esecuzioni dal vivo.

——————————

Mamma e papà sorriderebbero se potessero ascoltarmi recitare le filastrocche che mi hanno insegnato da bambina. Mi prenderebbero in giro per l’imperfetta pronuncia del dialetto bolognese, che pure è la mia lingua materna. Quando ero piccola, i miei fratelli e le mie sorelle maggiori decisero che io e la mia sorellina dovevamo parlare in italiano, per non incontrare le stesse difficoltà che loro avevano avuto a scuola, dove al dialetto non era data alcuna dignità ed era considerato come un ostacolo all’apprendimento di un buon italiano. Diventata maestra, ho inconsapevolmente cercato una indiretta rivincita per i miei fratelli permettendo, favorendo e coltivando l´espressione nella propria lingua materna dei miei alunni, con molta soddisfazione da parte di tutti. Un grande grazie ai bambini, alle loro famiglie, a Franca, Tommy, Enzo di QB per avermi aiutato a realizzare questo cd, a restituire ai bambini ciò che mi hanno donato e a dare visibilità al mio lavoro quotidiano di valorizzazione del sé e della propria identità in tutte le sue manifestazioni.

Ermanna Forni – Introduzione del booklet

Salem Maleh, Algeria

Nippai ui, Cina

Okhti Turia, Marocco

Bella manina, area bolognese

Masto Ciccio, area napoletana

copertina-raminaRAMINA. STORIE DI SEGNI – Visioni inconsuete di un oggetto consueto

Raccolta a tiratura limitata di Albert Barreda, Franca Mazzoli, Adriano Ruggero, Piero Sacchetto.
Edizioni QB Quanto Basta – Bologna 2009

La pubblicazione presenta un gioco a quattro nel quale gli autori ripercorrono le tappe di un percorso formativo sui processi di semplificazione grafica, dilatate in un arco temporale estremamente largo (due anni) e slegate da ogni intento didattico.

Il volume raccoglie gli acquerelli e le elaborazioni digitali che rappresentano diversi punti di vista su un oggetto quotidiano, una ramina, scelta dagli autori come tema delle proprie elaborazioni grafico pittoriche.

Escursioni digitali e rappresentazioni pittoriche offrono al lettore la possibilità di scoprire sfaccettature diverse dell’oggetto ramina, anche grazie agli scritti che accompagnano le immagini, sospesi tra cronaca e immaginazione.

Albert Barreda: acquerelli (vedi le rappresentazioni dal vero 1, 2 e 3; quelle a memoria 1, 2, e 3)
Franca Mazzoli: cronaca
Adriano Ruggero: rielaborazioni digitali (vedi 1, 2 e 3)
Piero Sacchetto: scritti  (pagina 187, pagina 158)